EVA FASCHAUNERIN – Museo regionale

Kirchgasse 48, A-9853 Gmünd

Aperto: giugno – settembre, tutti i giorni e su prenotazione

 

Eva, la figlia maggiore del contadino Faschauner di Malta, fu accusata di aver avvelenato suo marito. Correva l’anno 1770, quando Eva Faschauner si sposò con Jakob Kary. Solo qualche settimana dopo, l’11 marzo, Jakob morì in modo molto strano. Sua moglie Eva fu arrestata ed incarcerata. Dopo molti interrogatori e qualche tortura, al termine della sua detenzione durata più di tre anni, venne confermata la sentenza di avvelenamento del marito con l’arsenico, ma Eva non confermò mai completamente l’omicidio. La sentenza a morte venne eseguita il 9 novembre 1773 ed Eva fu decapitata.

In questo luogo origniale i visitatori si sentono spostati nel XVIII secolo!

In dodici quadri, eseguiti nel 1997 dal pittore italiano Ernesto Marchesini sono narrati i momenti salienti di questa drammatica storia.

Al pianterreno della mostra di Eva Faschauner si possono ammirare pezzi d’esposizione della storia della città di Gmünd dai suoi inizi fino al passato più recente.